Normativa Nazionale

A carattere generale

NORMATIVA DI APPLICAZIONE GENERALE CON RIFLESSI IMMEDIATI E DIRETTI NELLE ATTIVITÀ DEL SECURITY MANAGER

  1. Codice penale
  2. Codice civile (con particolare riguardo all’art. 2087)
  3. D. 18 giugno 1931 n.773 – Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza e correlativo Regolamento di attuazione (R.D. 6 maggio 1940, n. 635);
  4. 18 aprile 1975, n. 110, recante: “Norme integrative della disciplina vigente per il controllo delle armi, delle munizioni e degli esplosivi”
  5. Legge 1 aprile 1981, n. 121 – Nuovo ordinamento dell’Amministrazione della pubblica sicurezza;
  6. Legge 24 novembre 1981, n. 689 – Modifiche al sistema penale;
  7. LEGGE 7 agosto 1990, n. 241 – Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi (e successive modifiche ed integrazioni).
  8. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 – Attuazione dell’articolo 1 della Legge 3 agosto 2007, n. 123 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
  9. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 –  Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell’articolo 11 della legge 29 settembre 2000, n. 300.
  10. 20 maggio 1970, n. 300 – Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell’attività sindacale, nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento, con particolare riguardo agli artt. 4 e 7;
  11. Legge 6 novembre 2012, n. 190, Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione

 

 

INFRASTRUTTURE CRITICHE E OPERATORI DI SERVIZI ESSENZIALI

    1. Lgs. 1 aprile 2011, n. 61 – Attuazione della Direttiva 2008/114/CE recante l’individuazione e la designazione delle infrastrutture critiche europee e la valutazione della necessità di migliorarne la protezione
    2. L. 27 luglio 2005, n. 144, recante misure urgenti per il contrasto del terrorismo internazionale, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155 (art. 7-bis) e Decreto del Ministro dell’Interno del 9 gennaio 2008 recante “Individuazione delle infrastrutture critiche informatiche di interesse nazionale”,
    3. Lgs. 18 maggio 2018, n. 65 – Attuazione della direttiva (UE) 2016/1148 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 luglio 2016, recante misure per un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell’Unione.
    4. Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 27 gennaio 2014 che adotta il Quadro strategico nazionale per la sicurezza dello spazio cibernetico;
    5. Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 17 febbraio 2017 – Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionali;
    6. Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 31 marzo 2017 che adotta il Piano nazionale per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionali;

 

VIGILANZA PRIVATA, SERVIZI DI INVESTIGAZIONE E SICUREZZA SUSSIDIARIA

    1. 133 e ss. T.U. delle Leggi di P.S.
    2. Decreto del Ministro dell’Interno 1 ottobre 2010, n. 269, recante “Disciplina delle caratteristiche minime del progetto organizzativo e dei requisiti minimi di qualità degli istituti e dei servizi di cui agli articoli 256-bis e 257-bis del Regolamento di esecuzione del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, nonché dei requisiti professionali e di capacità tecnica richiesti per la direzione dei medesimi istituti e per lo svolgimento di incarichi organizzativi nell’ambito degli stessi istituti”;
    3. Decreto del Ministro dell’Interno 4 giugno 2014 n. 115 “Regolamento recante disciplina delle caratteristiche e dei requisiti richiesti per l’espletamento dei compiti di certificazione indipendente della qualità e della conformità degli istituti di vigilanza privati, autorizzati a norma dell’articolo 134 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e dei servizi dagli stessi offerti. Definizione delle modalità di riconoscimento degli organismi di certificazione indipendente”
    4. L. 8 febbraio 2007, n. 8, recante “Misure urgenti per la prevenzione e la repressione dei fenomeni di violenza connessi a competizioni calcistiche” convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2007, n. 41;
    5. Decreto del Ministro dell’Interno 8 agosto 2007 in tema di “organizzazione e servizio degli “steward” negli impianti sportivi”;
    6. L. 27 luglio 2005 n. 144 recante “Misure urgenti per il contrasto del terrorismo internazionale”, convertito con modificazioni dalla l. 31 luglio 2005, n. 155;
    7. Decreto del Ministro dell’Interno 15 settembre 2009, n. 154 in tema di “Regolamento recante disposizioni per l’affidamento dei servizi di sicurezza sussidiaria nell’ambito dei porti, delle stazioni ferroviarie e dei relativi mezzi di trasporto e depositi, delle stazioni delle ferrovie metropolitane e dei relativi mezzi di trasporto e depositi, nonché nell’ambito delle linee di trasporto urbano, per il cui espletamento non è richiesto l’esercizio di pubbliche potestà, adottato ai sensi dell’articolo 18, comma 2, del decreto-legge 27 luglio 2005, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155”;
    8. 15 luglio 2009, n. 94 recante “Disposizioni in materia di sicurezza pubblica”;
    9. Decreto del Ministro dell’Interno 6 ottobre 2009 recante “Determinazione dei requisiti per l’iscrizione nell’elenco prefettizio del personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico o in pubblici esercizi, le modalità per la selezione e la formazione del personale, gli ambiti applicativi e il relativo impiego, di cui ai commi da 7 a 13 dell’articolo 3 della legge 15 luglio 2009, n. 94”;
    10. 16 gennaio 2003 n. 3 recante “Disposizioni ordinamentali in materia di pubblica amministrazione”;
    11. Decreto del Ministro dell’Interno 28 dicembre 2012 n. 266 in tema di “Regolamento recante l’impiego di guardie giurate a bordo delle navi mercantili battenti bandiera italiana, che transitano in acque internazionali a rischio pirateria”.

 

MARITIME SECURITY

  1. Codice della Navigazione – Parte Prima – della navigazione marittima e interna; Parte Terza – Disposizioni penali e disciplinari; Parte Quarta – Disposizioni transitorie e complementari
  2. Lgs. 6 novembre 2007, n. 203- Attuazione della direttiva 2005/65/CE relativa al miglioramento della sicurezza nei porti.
  3. Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 3 dicembre 2013 – Disciplina delle attività di formazione e addestramento per il personale marittimo designato a svolgere compiti di security;
  4. Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 3 dicembre 2013 – Disciplina del corso di indottrinamento alle attività di security per il personale marittimo e della familiarizzazione alla security per il personale imbarcato;

 

AVIATION SECURITY

  1. Codice della Navigazione – Parte Seconda – della navigazione aerea; Parte Terza – Disposizioni penali e disciplinari; Parte Quarta – Disposizioni transitorie e complementari;
  2. Programma Nazionale della Sicurezza – Ed. 2012 (in corso di aggiornamento)
  3. Circolari serie SEC emanate da ENAC:
    1. SEC-01A del 5 gennaio 2017 – Certificazione degli istruttori
    2. SEC-02 del 7 ottobre 2004 – Affidamento dei servizi di controllo di sicurezza esistenti nell’ambito aeroportuale. Procedure operative per le Direzioni di Circoscrizione Aeroportuale (Già pubblicata come APT-06 del 20.03.2000)
    3. SEC-03 del 7 ottobre 2004 – Modalità per l’accertamento dei requisiti tecnico-professionali delle imprese di sicurezza e dei requisiti professionali degli addetti alla sicurezza. Programma di formazione professionale per gli addetti ai controlli di sicurezza. Certificato di “addetto alla sicurezza”
    4. SEC 04 del 23 gennaio 2013 – Programmi per la sicurezza dell’aeroporto, del vettore aereo e degli altri soggetti
    5. SEC 05A del 28 settembre 2015 – Contenuti e procedure di formazione per la Security
    6. SEC-06 del 15 maggio 2013 – Programma per la sicurezza degli aeroporti minori e delle aree delimitate
    7. SEC-07A del 31 luglio 2015 – Riconoscimento dei dispositivi (LEDS) per lo screening dei liquidi, aerosol e gel (LAGS) e dei dispositivi EDS, ETD e Security Scanner
    8. SEC-08 del 31 luglio 2015 – Il responsabile della sicurezza aeroportuale (Security Manager)
    9. SEC-09 dell’8 novembre 2016 – Validatori della Sicurezza dell’Aviazione Civile UE
  4. Decreto del Ministro dei Trasporti di concerto con il Ministro dell’Interno 29 gennaio 1999, n. 85 -Regolamento recante norme di attuazione dell’articolo 5 del decreto-legge 18 gennaio 1992, n. 9, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 1992, n. 217, in materia di affidamento in concessione dei servizi di sicurezza;

 

TUTELA DEL SEGRETO DI STATO, DELLE INFORMAZIONI CLASSIFICATE E A DIFFUSIONE ESCLUSIVA

    1. 3 agosto 2007, n. 124 – Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e nuova disciplina del segreto e successive modificazioni ed integrazioni;
    2. Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 7 del 12 giugno 2009 – Determinazione dell’ambito dei singoli livelli di segretezza, dei soggetti con potere di classifica, dei criteri d’individuazione delle materie oggetto di classifica nonché dei modi di accesso nei luoghi militari o definiti di interesse per la sicurezza della Repubblica
    3. Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 8 aprile 2008 Criteri per l’individuazione delle notizie, delle informazioni, dei documenti, degli atti, delle attività, delle cose e dei luoghi suscettibili di essere oggetto di segreto di Stato
    4. Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 6 novembre 2015, n. 5 – Disposizioni per la tutela amministrativa del segreto di Stato e delle informazioni classificate e a diffusione esclusiva e successive modificazioni ed integrazioni;

 

 

 

GOLDEN POWERS

    1. L. 15 marzo 2012, n. 21 – Norme in materia di poteri speciali sugli assetti societari nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, nonché per le attività di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti e delle comunicazioni
    2. Lgs. 19 febbraio 2014, n.35 Regolamento per l’individuazione delle procedure per l’attivazione dei poteri speciali nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, a norma dell’articolo 1, comma 8, del decreto-legge 15 marzo 2012, n. 21
    3. Lgs. 25 marzo 2014, n. 86 – Regolamento per l’individuazione delle procedure per l’attivazione dei poteri speciali nei settori dell’energia, dei trasporti e delle comunicazioni, a norma dell’articolo 2, comma 9, del decreto-legge 15 marzo 2012, n. 21
    4. Lgs. 25 marzo 2014, n.85 – Regolamento per l’individuazione degli attivi di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti e delle comunicazioni, a norma dell’articolo 2, comma 1, del decreto-legge 15 marzo 2012, n. 21
    5. Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 6 giugno 2014, n.108 – Regolamento per l’individuazione delle attività di rilevanza strategica per il sistema di difesa e sicurezza nazionale, a norma dell’articolo 1, comma 1, del decreto-legge 15 marzo 2012, n. 21, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 maggio 2012, n. 56
    6. Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 6 agosto 2014 – Individuazione delle modalità organizzative e procedimentali per lo svolgimento delle attività propedeutiche all’esercizio dei poteri speciali

Richiedi informazioni